fbpx

Realizzazione siti internet

Social o siti web?

La crescita dei social

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una crescita esponenziale dell’importanza dei social media: il supporto di app veloci e di immediato utilizzo ha permesso a chiunque di attivare una propria presenza online senza le complicazioni tecniche richieste dalle alternative tradizionali come siti web e blog.

L’aumentata visibilità di tali canali comunicativi ha indotto anche molte aziende, soprattutto quelle di minori dimensioni, a basare la propria presenza online esclusivamente su di essi, attratte dalla assenza di costi e dalla immediatezza di attivazione.

Indubbiamente al giorno d’oggi avere un profilo social è quasi obbligatorio per ogni impresa, in quanto network come facebook, linkedin, instagram etc permettono non solo di rendere la propria attività immediatamente accessibile ad un nutrito seguito di persone, ma anche e soprattutto di mantenere un rapporto attivo con i propri clienti.

D’altra parte un sito web gode di specificità difficilmente replicabili con altri canali di comunicazione che, sapientemente sfruttate con una oculata strategia di marketing, possono portare importanti vantaggi alla propria impresa. Vediamoli nel dettaglio.

Asset aziendale

Un profilo facebook, youtube o similare  è controllato dal proprietario del network, che può decidere in piena autonomia di rimuovere il profilo o modificare le regole della propria rete social secondo direzioni potenzialmente negative per chi gestisce il profilo, e che ha magari investito pesantemente in esso con il proprio tempo e denaro.

Viceversa un sito web fa parte a tutti gli effetti degli asset aziendali di chi lo possiede, che può decidere in tutta libertà come sfruttarlo o anche, se ritenuto opportuno, a quanto e se venderlo a terzi. In questo senso ogni investimento sul proprio sito web è un investimento di lungo termine sulla propria attività imprenditoriale.

Specializzazione

Un profilo social offre funzionalità avanzate ma standardizzate, mentre un sito web viene creato per calzare come un guanto le esigenze dell’azienda che lo commissiona: in un sito ben fatto ogni modulo di contatto, immagine, configuratore o slider è pensato al fine di guidare l’utente secondo la strategia elaborata dal suo proprietario.

Un configuratore in un ecommerce, ad esempio, può essere ben di più di uno strumento a disposizione del navigatore per poter cercare velocemente i prodotti cui è interessato: se correttamente pensato può risultare una risorsa preziosissima, guidando la scelta del cliente verso gli acquisti strategicamente più importanti per l’azienda.

Branding Identity

Pochi imprenditori ospiterebbero la propria impresa in una cantina polverosa dalle pareti scrostate, pur fosse funzionalmente sufficiente per ospitare le attività aziendali: un edificio non serve infatti solo a contenere persone e oggetti, ma ispira le prime impressioni a clienti, fornitori e dipendenti che la visitano nonché alle persone che vi passano accanto.

Allo stesso modo un sito web ben costruito non è un mero contenitore di dati, ma trasmette la branding identity del suo proprietario e ne rafforza il marchio. In un mondo sempre più globalizzato, ove la concorrenza è spesso globale e serrata, questo permette di differenziare l’offerta della propria attività e di accedere a segmenti più interessanti di mercato.

Analisi dei propri clienti

Attraverso prodotti gratuiti offerti da google è possibile effettuare uno studio dettagliato del comportamento dei visitatori del nostro sito web e quindi ottimizzare le proprie strategie comunicative e di vendita, come ad esempio:

  • quali pagine vengono lette di più? Quali pagine invece vengono immediatamente saltate a piè pari?
  • I costossimi video che avete fatto creare vengono veramente visionati dai vostri clienti? La visione di uno di questi video aumenta effettivamente la successiva frequenza di acquisto? Di quanto?
  • Come si comportano gli utenti quando visualizzano un vostro prodotto? In quale parte della pagina si soffermano maggiormente? 

Conclusioni

Per concludere, una strategia commerciale di successo non può basarsi esclusivamente su un canale di comunicazione (social media e sito web che sia), ma deve riuscire ad integrare tutti i canali di comunicazione dell’azienda e integrarli per rafforzarli  a vicenda.